La documentazione al servizio dell'integrazione

5 per mille: rendicontiamoci!

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato un vademecum per rendicontare i fondi ottenuti dalle associazioni con il 5 per mille

In data 7 dicembre 2010 il Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali ha emanato le istruzioni (ed il fac-simile allegato) per la predisposizione del rendiconto per l’impiego, da parte dei soggetti beneficiari, delle somme ricevute sulla base delle scelte del 5 per mille, effettuate a decorrere dall’annualità 2008 (in queste settimane in corso di erogazione alle associazioni) e seguenti

Queste, in sintesi, sono le indicazioni principali, ancora valide, mentre per i dettagli rimandiamo alle allegate Linee Guida del Ministero ed alla apposita Guida predisposta da CSVnet.

 

Annualità interessate
Viene finalmente chiarito che la rendicontazione è obbligatoria in relazione alle scelte del 5 per mille effettuate nelle dichiarazioni 2008 (anno d’imposta 2007) e periodi successivi.
Non vi è pertanto l’obbligo di rendicontare per i periodi precedenti (dichiarazioni 2006 e 2007).

 

Soggetti tenuti e redigere il rendiconto
Si tratta dei soggetti qualificati come “enti del volontariato”, ovvero ONLUS (comprese le organizzazioni di Volontariato iscritte ai sensi della L. 266/91), associazioni di promozione sociale, associazioni e fondazioni riconosciute ecc.
Sono da ricomprendere anche gli enti che hanno beneficiato dell’ammissione al beneficio a seguito dei provvedimenti di proroga dei termini, mentre le sole associazioni sportive dilettantistiche dovranno redigere il rendiconto anche per le annualità 2006 e 2007.

 

Modalità di compilazione del rendiconto
Per agevolare gli enti è stato predisposto un fac-simile di rendiconto (non obbligatorio, anche se senz’altro consigliabile), composto da una prima sezione anagrafica ed una seconda sezione contenente il rendiconto vero e proprio.
In quest’ultima sezione vanno suddivise, a seconda della tipologia, le spese coperte con gli introiti del 5 per mille.

In alternativa alla presentazione del rendiconto è possibile presentare il bilancio di esercizio, se redatto secondo le Linee Guida di compilazione fornite dall’Agenzia delle ONLUS.

 

Obbligo di invio del rendiconto
L’invio del rendiconto al Ministero del Lavoro è obbligatorio per gli enti che hanno ricevuto, per l’anno 2008, un importo pari o superiore ad € 15.000,00.
Per gli anni 2009 e successivi l’obbligo di invio scatta per importi pari o superiori ad € 20.000,00.
L’invio può essere effettuato in via telematica, o con lettera raccomandata e deve essere accompagnato da una copia di un valido documento di identità del firmatario (rappresentante legale) dell’ente.

Gli enti che hanno ricevuto importi inferiori sono comunque tenuti a predisporre il rendiconto, conservarlo ed esibirlo a eventuale richiesta del Ministero del Lavoro.

 

Il termine per la predisposizione del rendiconto è un anno dalla data effettiva dell’incasso del contributo, mentre l’invio (per gli enti a ciò tenuti) va effettuato entro un mese dal termine di rendicontazione (13° mese dal ricevimento delle somme).

 

Per maggiori informazioni potete contattare la sede di Forum Solidarietà chiedendo di Cristina e/o Rossana allo 0521/228330.

 

 

Guida rendicontazione CSVnet (PDF 100 KB)

Linee guida rendicontazione (PDF 106 KB)

Modello rendicontazione (DOC 132 KB)

 

 

Forum Solidarietà, Centro di Servizi per il Volontariato in Parma - Via Bandini 6 - 43123 Parma - Tel. 0521.228330 - Fax 0521.287154