La documentazione al servizio dell'integrazione

La regione per gli adolescenti

600mila euro per progetti che accompagnino i ragazzi nella crescita. Entro il 25 settembre

La Giunta regionale, con deliberazione n. 983 del 3 agosto 2020, ha approvato un bando di complessivi 600mila euro per interventi e attività a favore di preadolescenti e adolescenti. I contributi sono destinati ad Associazioni di promozione sociale, Organizzazioni di volontariato, Cooperative sociali iscritte nei relativi registri, Oratori e Parrocchie dell’Emilia-Romagna.

 

Obiettivi
Gli obiettivi del bando, finanziato per l’undicesimo anno, sono di offrire un sostegno per accompagnare i ragazzi nel complesso passaggio all’età adulta, migliorandone gli stili di vita e il sistema di relazioni con coetanei e familiari, attraverso la promozione di forme aggregative e il sostegno scolastico per scongiurare l’abbandono degli studi e prevenire il disagio sociale. Tra i progetti anche la prevenzione del bullismo e del cyberbullismo.  Tra le novità di quest’anno rientrano i temi legati all’Agenda Globale 2030 per lo sviluppo sostenibile e una particolare attenzione alle ricadute dell’emergenza sanitaria da Covid-19 sulla vita degli adolescenti, privati per lungo tempo delle più normali relazioni sociali con i propri coetanei.

 

Ripartizione risorse
Del finanziamento complessivo, 150mila euro saranno destinati alla definizione di progetti di valenza regionale, che insistono, cioè, su 3 o più ambiti provinciali, relativi ad attività educative e di aggregazione sociale, con caratteristiche di innovazione e capaci di integrare esperienze, competenze e risorse in una logica di rete tra più soggetti e diversi territori; i restanti 450mila finanzieranno progetti di valenza territoriale, di dimensione comunale o distrettuale, così suddivisi tra le province dell’Emilia-Romagna: Bologna 99.235 euro; Modena 74.757 euro; Reggio Emilia 59.069 euro; Parma 44.806 euro; Forlì-Cesena 40.401 euro; Ravenna 38.574 euro; Rimini 35.323 euro; Ferrara 29.943 e alla provincia di Piacenza 27.887 euro.

Per i quattro distretti di Parma il numero massimo di progetti finanziabili in base alle risorse distrettuali è il seguente:

  • Distretto Valli Taro e Ceno – max 1 progetto finanziabile - finanziamento regionale complessivo  € 4.066,66
  • Distretto Fidenza – max 3  progetti finanziabili - finanziamento regionale complessivo € 10.506,77
  • Distretto Sud Est -  max 2 progetti finanziabili - finanziamento regionale complessivo  € 7.991,41
  • Distretto di Parma – max 5 progetti finanziabili - finanziamento regionale complessivo € 22.241,86

 

I progetti a valenza regionale dovranno avere un costo complessivo compreso tra 15.000 e 80.000 €
I progetti di valenza territoriale dovranno avere un costo complessivo compreso tra 5.000 e 15.000 €

Per entrambe le tipologie di progetti, la Regione finanzierà al massimo il 50% del costo complessivo del progetto; la copertura della spesa residua dovrà essere garantita dai soggetti richiedenti.

 

Spese ammissibili:

  • acquisto di beni di consumo, biglietti di accesso, titoli di viaggio (es. carta, cancelleria, benzina, divise sportive, abbonamenti a giornali e riviste, biglietti di accesso a spettacoli e parchi tematici, biglietti di autobus e treno, etc.);
  • personale dipendente (in quota parte) e/o per conferimento incarichi (es. educatori, animatori, conduttori di laboratori, relatori, docenti, esperti, etc.);
  • affitto locali e per utenze (acqua, luce, gas, telefono, internet, etc.), anche in quota parte nel caso di strutture destinate non ad uso esclusivo per le attività ammesse a contributo;
  • noleggio di attrezzature e beni mobili (es. computer, attrezzature audio-video, tavoli, armadi e arredi in genere, palchi, pullman, etc.).

 

Come fare domanda
Le domande potranno essere presentate dalle 10.00 del 24 agosto alle 13.00 del 25 settembre 2020.

L'inserimento della domanda e del progetto del bando 2021 avverrà tramite piattaforma on-line per cui sarà richiesta l'identità digitale di persona fisica SPID o Federa.

Non saranno ammesse domande pervenute con diverse modalità di invio.

 

Leggi tutto sul sito della Regione, qui il testo del bando

 

 

Indicazioni sull’identità digitale
Per l’accesso al servizio on-line, è necessario dotarsi di un'identità digitale di persona fisica SPID o Federa, con livello di affidabilità alto (cioé: SPID=livello L2, FEDERA con livello di affidabilità = ALTO, password policy = DATI PERSONALI) - Alcune indicazioni utili su Federa e SPID (pdf, 488.01 KB) - Per chiarimenti su Federa consultare la pagina delle FAQ  - Per chiarimenti su SPID consultare la pagina web dell'Agenzia per l'Italia Digitale (N.B: L'account SPID o FEDERA deve essere posseduto da CHI COMPILA LA DOMANDA, che può essere persona diversa dal LEGALE RAPPRESENTANTE. Ogni compilatore, cioè ogni account SPID-FEDERA, può presentare più domande.)

 

A chi rivolgersi in Regione

Camilla Garagnani Cavallazzi
tel. 051 527 7515 Camilla.Garagnani@regione.emilia-romagna.it
Monica Malaguti
tel. 051 527 7517 Monica.Malaguti@regione.emilia-romagna.it
Mariateresa Paladino
tel. 051 527 7516 Mariateresa.Paladino@regione.emilia-romagna.it

 

L’aera progettazione di CSV Emila è a disposizione degli ETS per supportarli nella redazione dei progetti: progettazione.parma@csvemilia.it

 

Forum Solidarietà, Centro di Servizi per il Volontariato in Parma - Via Bandini 6 - 43123 Parma - Tel. 0521.228330 - Fax 0521.287154